segui la freccia sotto al nome AIRA e leggerai il nome esatto del progetto by  Marelli.

 

L’aria all’interno di un locale chiuso può anche essere anche cinque volte più inquinata di quella presente all’esterno.

 

AIRA è realizzato in legno, dove si appoggia il merletto a fuselli e all'occorrenza un sensore AIRA-CO per il controllo del monossido di carbonio CO.

AIRA si può collocare in ufficio, nei luoghi pubblici, a casa e a scuola.

Controllare la qualità dell’aria al chiuso può permettere di intraprendere azioni correttive, perchè i fattori ambientali possono peggiorare o addirittura attentare alla nostra salute.

Il concetto dell'evoluzione del merletto rientra nelle necessità odierne, cioè può l'arte abbracciare una qualità di vita migliore ?

Certamente SI, perchè ci permette di avere un bel complemento d'arredo e controllare il valore dell'aria  CO in casa, a scuola e all’occorrenza arieggiare i locali chiusi per il ricambio dell’aria.

I concetti sono :

  1. evidenziare la lavorazione del tombolo 2.0;
  2. monitorare la qualità dell’aria, concetto fondamentale per avere un ambiente sano.
  3. incontra le nuove esigenze della comunità, per stare bene in compagnia.
  4. possedere un oggetto intelligente e di stile.
  5. capire quando occorre il ricambio dell’aria per prevenire certe malattie.

Il costo per partecipare al concorso è di euro 35,00 ed inviare un'email all'indirizzo   airamerletto@gmail.com  per ricevere l'elaborato in legno. Tenete presente che il progetto di legno, sarà di vostra proprietà perchè dovrete solo inviare a opera finita solo 5 foto per email.

Saranno validi i progetti pervenuti entro il 10 aprile 2022 perché la sfilata dei progetti verrà pubblicata il giorno di Pasqua che sarà il 17 aprile 2022.

Vi diciamo che il concorso AIRA prevede la fornitura del materiale, di alcune cartine realizzate da importanti professionisti e scuole. La merlettaia potrà sviluppare altri soggetti se lo vorrà, con l'obbligo di utilizzare per una cartina il filo dell'anno 2022 che è il 17-3938 Very Peri al quale affidiamo il compito di ridarci carica e creatività in questi tempi difficili, mentre per l’altra cartina lo potrete realizzare con un altra tinta.

 

Non è obbligatorio per il concorso acquistare il sensore AIRA-CO.

 

Chi volesse acquistare il sensore AIRA-CO può  fare richiesta direttamente all'azienda : Visyr https://www.visyr.it/contatti/ 

 

Il progetto indicativamente è questo 

Le aziende del progetto sono :


MIA 

La soluzione scelta per AIRA ha valutato il minor impatto ambientale, presagendo l’uso del legno che ha anima e cuore nel progetto. L'idea è stata accolta con pieno entusiasmo dall’azienda Mia una realtà in continua espansione, un’azienda giovane, dinamica, innovativa, concretamente presente ormai da anni nel mondo del Design, dell’Architettura, dell’Industria del Mobile e dell’Artigianato. I legni successivamente vengono lavorati in una Cooperativa sociale, dove si promuove l’inserimento di persone in difficoltà nel mondo del lavoro, offrendo loro l’apprendimento direttamente nel laboratorio di falegnameria. 

---------------------------------------- 

Visyr -- MISSIONE

“L’elettronica che anima Enrico Perozziello è fiorita nella linea Visyr, oggetti progettati e realizzati in Italia al servizio della funzionalità e utilità .”

A cosa serve questo sensore AIRA-CO ?

Il modulo AIRA-CO serve a monitorare la qualità dell’aria e riscontrare la concentrazione del monossido di carbonio nell’ambiente chiuso in cui viviamo, studiamo e lavoriamo.

Gestire e capire quando è necessario il ricambio dell’aria influisce sulla salute e sulla proliferazione dei batteri.

Nello stesso tempo arieggiare i locali solo all’occorrenza è una buona norma anche per le spese per gli impianti di riscaldamento o di condizionamento, oppure dovunque sia necessario il controllo costante di questo parametro…<<come già affermato da diverse autorità, università e studi scientifici, il valore di CO2 ppm in un ambiente chiuso non deve superare la soglia di 700 ppm>>.

AIRA-CO è stato realizzato in legno, per avvicinarsi ancora di più all'ambiente, anche se la plastica che volevamo usare era un acido polilattico o filamento PLA; cioè un un termo-polimero generato dalla fermentazione del mais (non è biodegradabile in condizioni naturali ma è idrosolubile a temperature superiori a 70-80°C).

 

Il funzionamento di AIRA-CO è molto semplice, una volta estratto dalla confezione il sensore dev’essere collegato alla rete elettrica, non necessita di batterie.


📌 CONSIDERAZIONI :

 

✔ È noto che l’aria viziata a lungo termine aumenta il rischio di malattie respiratorie, attraverso l’infiammazione persistente e compromissione dell’immunità.

✔ Diversi studi scientifici affermano che oltrepassare il valore di 700 ppm CO facilita l'infezione da Covid.

✔ Gli studi non sono in grado di stabilire il nesso di causa-effetto, ma forniscono la prima solida prova empirica in merito al legame finora solo ipotizzato che collegano l’esposizione a lungo termine all’aria viziata di un ambiente chiuso con l’incidenza di Covid.

✔ Quando il valore di 700 ppm si supera, bisogna arieggiare l'ambiente in cui si studia, vive o lavora. 

Regala un rilevatore AIRA-CO per il controllo della qualità dell’aria

Non è una novità ma un suggerimento.

 

Un sensore per monitorare la qualità dell’aria in casa, in ufficio o tra i banchi di scuola.

Il progetto AIRA si avvala dei dispositivi Visyr di Magliano Vetere (SA), perché hanno creduto al progetto di Marelli e realizzato il sensore AIRA-CO.

 

Monitorare il monossido di carbonio, come suggerito da diversi studi scientifici e università del mondo, equivale a ridurre la trasmissione e diffusione dei vettori del coronavirus.

Il funzionamento del sistema AIRA-CO è semplice: rileva e comunica sul display il valore, tendendo in considerazione che in un ambiente chiuso la soglia di CO non deve superare i 700 ppm. Se tale valore verrà superato, bisognerà arieggiare la stanza ed aprire le finestre, aprire al bisogno, contribuirà a risparmiare sulle spese di riscaldamento o dell’A/C.

«Bisogna creare un ambiente più sicuro in cui viviamo come soluzione stabile, non soltanto nel periodo di epidemia, perché l’aria viziata è sempre dannosa alla salute».

Visyr lavora per estendere questa visione in più Comuni d’Italia.

I moduli dell’azienda Visyr sono progettati per gestire e monitorare più svariate tipologie di valori, offrendo ovunque sia necessario il controllo dei parametri. Visyr è in espansione continua ed è attenta e sensibile alle richieste ed alle necessità dei propri clienti ed è naturalmente proiettata verso l’Internet of Things. « Essere dei visionari è differente che inseguire le idee. Avere un ambiente più sicuro può rendere anche le scuole un luogo cruciale per le comunità evitando la didattica a distanza – afferma Enrico Perozziello di Visyr – Il nostro sistema unisce facilità di installazione, costi contenuti e valore educativo». 


Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti